Museo di Roma

facilitated menu

skip to:
content. search, section. languages, menu. utility, menu. main, menu. path, menu. footer, menu.

Home > Percorso tattile > La Storia del Museo
Share |

Fin dalla seconda metà dell'Ottocento le maggiori capitali europee sentono l'esigenza di dedicare grandi spazi museali all'arte, alla storia e alla cultura delle città. Anche Roma, diventata capitale del Regno nel 1870, comincia ben presto a maturare il proposito di realizzare un museo che custodisca la memoria di quella parte di città che va scomparendo a causa delle demolizioni previste dai piani regolatori di Roma Capitale del 1873 e del 1883. Il progetto si rafforza nel Novecento soprattutto per effetto degli interventi degli anni Venti e Trenta, che prevedono lo smantellamento di intere aree urbane in favore della nascita della “Terza Roma” di Mussolini.
Il 21 aprile 1930 nei locali dell’ex Pastificio Pantanella a via dei Cerchi viene così inaugurato, dall'allora direttore delle Antichità e Belle Arti del Governatorato di Roma Antonio Muñoz (1884-1960), il Museo di Roma la cui istituzione, perfettamente in linea con le iniziative di propaganda culturale, avrebbe dovuto colmare la distanza dalla gloriosa epoca romana (di cui il fascismo si proclama legittimo erede) ricreando un’epopea della storia medievale e moderna della città attraverso l’esposizione di esposti alcuni calchi in gesso e riproduzioni, di dipinti di autori contemporanei raffiguranti luoghi scomparsi (tra cui i più importanti sono gli acquerelli di Roesler Franz), di affreschi e frammenti lapidei provenienti dalle demolizioni, di un nucleo di ceramiche e di una ricca collezione di piante e incisioni cittadine che ne documentano le trasformazioni urbanistiche nel corso dei secoli. Chiuso nel 1939, a causa delle vicende belliche, il Museo di Roma riaprirà nella nuova sede di palazzo Braschi il 12 maggio 1952. Da questo momento la sua originaria vocazione storico-documentaria si evolve a favore della valorizzazione artistica arricchendosi di dipinti, sculture, stampe, disegni, fotografie e abiti fino a consegnarci oggi un mosaico di ricchissime collezioni, attraverso le quali si snoda il racconto di Roma, della sua vita, della sua storia e delle sue trasformazioni tra il XVII e il XIX secolo.

back to facilitated menu.