Museo di Roma

facilitated menu

skip to:
content. search, section. languages, menu. utility, menu. main, menu. path, menu. footer, menu.

Home > Guestbook > Dentro (e fuori) Caravaggio
Share |

Roma, 27 settembre 2017

Il 29 settembre è una data molto popolare.
La Chiesa festeggia san Michele Arcangelo, ma per la maggior parte di noi la memoria va alla canzone dell’Equipe 84 che proprio a quella data si ispirava (anche nel titolo).
Tra il ‘sacro’ e il ‘profano’ c’è però una vox media che mette tutti d’accordo; un nome che evoca emozioni in ogni tempo; un personaggio popolare e al tempo stesso colto, data la sua attitudine di pittore, nel Seicento.
Caravaggio nacque il 29 settembre del 1571 e per questo fu chiamato Michelangelo, in omaggio al Santo Patrono che lo avrebbe protetto e guidato nella vita, secondo la concezione cristiana e la dottrina del tempo.
E in effetti l’Arcangelo che sconfisse i demoni nella battaglia dell’Apocalisse deve aver avuto un bel da fare appresso a lui, alle sue intemperanze, a quel carattere ombroso e scanzonato che procurò all’artista tanti nemici quanti furono gli ammiratori.
Venerdì 29 settembre, a Milano, apre una mostra dedicata a lui e incentrata sulle nuove conoscenze che abbiamo della pittura del maestro, alla luce dei più recenti studi e soprattutto delle straordinarie scoperte che la più sofisticata tecnologia applicata al restauro ci ha consegnato.
Ma Caravaggio è anche a Roma, nella cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi, ad esempio, dove un vero e proprio teatro si apre ai nostri occhi nelle tre tele che coprono le pareti con il racconto della conversione e del martirio dell’evangelista Matteo.
Oppure a Santa Maria del Popolo, nella cappella Cerasi, con due tele dedicate ai santi Patroni di Roma (Pietro e Paolo) a comporre un cannocchiale ottico di insuperata arditezza.
Caravaggio, però, è anche a palazzo Braschi fino a domenica. Vi ricordate della mostra tattile    “CONTATTO. Sentire la pittura con le mani”?
Ebbene, nelle ultime ore di apertura al pubblico di questa straordinaria esperienza di approccio alla pittura, i visitatori potranno “ascoltare” con le mani la restituzione a rilievo della splendida Maddalena penitente di Caravaggio, conservata alla Galleria Doria Pamphilj di Roma (e in mostra a Milano, ora).
Oppure “entrare” con il tatto nella tela raffigurante la Madonna dei pellegrini che si conserva nella chiesa di Sant’Agostino (anch’essa prestata per l’esposizione milanese).
Concedetevi questa emozione!

back to facilitated menu.